Chiamaci: +385 51 232 016

Leggenda di San Gaudenzio di Ossero

 

          Oggi esistono numerose leggende sulla vita di San Gaudenzio. Si presume essere nato sull’isola di Lussino proprio di fronte a Ossero, in un villaggio le cui case e rovine esistono ancora oggi sui pendii dell'Osoršćica. Era seguace di San Romualdo e vescovo di Ossero dal 1018 al 1042.  Gli abitanti gli hanno opposto una grande resistenza, perché condannava i loro peccati, esigeva la disciplina e ordine tra i monaci e si opponeva ai matrimoni tra i parenti. Alla fine è stato perseguitato e secondo alcune fonti è andato in esilio a Roma e poi a Ancona, dove è morto.

 

          Secondo la leggenda il suo luogo di rifugio provvisorio era una caverna sull'Osoršćica, oggigiorno molto visitata.  Dicono che San Gaudenzio aveva maledetto tutte le vipere sulle isole di Cherso e Lussino e da allora in poi non c'erano più le vipere su queste isole. Se visitate questa caverna sull'Osoršćica e ne prendete una pietra, sarete protetti per tutta la vita dai morsi delle vipere.  Siccome non ci sono vipere sulle isole di Cherso e Lussino, molti credono nella leggenda.

         

          Nella chiesa di San Gaudenzio vicino alla cattedrale di Ossero potete vedere la rappresentazione del santo che benedice con tre dita. Molti vecchi abitanti di Cherso ritengono invece che questa rappresenta la maledizione degli immorali abitanti di Ossero. Nella chiesa si trova inoltre un'altra rappresentazione del santo, sul cui sfondo sono stati  raffigurati un veliero e una serpente.  

Contatto

Aperto:

Marzo-Maggio dalle 9 alle 15/ chiuso domenica /
Giunio-Settembre dalle 9 alle 19 tutti i giorni

Indirizzo:

Puntarka nova d.o.o.
Nikole Tesle 17
HR - 51550 Mali Lošinj

Codice fiscale :

HR90627068602

ID code:

HR-B-51-040164898

Telefono :

+385 51 232 016

E-mail:

puntarka@ri.t-com.hr